Whatsapp permetterà di ascoltare gli audio in sequenza

0

Whatsapp si appresta ad introdurre alcune novità tra le quali la scorciatoia per le chiamate di gruppo.

Assieme a questa arriverà inoltre una funzionalità molto apprezzata su Telegram, quella della riproduzione consecutiva degli audio, che trasforma i gruppi e le chat in una sorta di playlist audio.

La novità era già presente nella beta della piattaforma di messaggistica istantanea e la ritroveremo molto presto sui nostri smartphone con un aggiornamento.

Non sarà quindi più necessario lanciare la riproduzione di ogni audio della conversazione. Questi andranno avanti seguendo la sequenza di ricezione lasciandoci ascoltare anche senza interagire più con il proprio dispositivo.

La novità è stata avvistata su alcuni client delle versioni beta. Non sappiamo quindi con l’esattezza quando la compagnia prevede di implementarla per tutti. In ogni caso ci sarà una voce che ci notifica il cambio di audio,e una che ci dirà quando finisce l’intera sequenza. Un modo smart per affrontare i sempre più diffusi audio-messaggi che, specialmente nei gruppi diventano più difficili da seguire.

Whatsapp continua ad innovarsi, mentre in questi giorni si parla molto delle applicazioni spia che permettono di tracciare tutti gli ingressi di un utente alla chat.

Una magagna che la società di Facebook dovrà trovare il modo di risolvere dato che in questo modo, il sistema di messaggistica istantanea più utilizzato al mondo diventa una sorta di strumento di spionaggio e di stalking.

Mentre Facebook continua a scendere nelle quotazioni, la società continua ad andare molto bene grazie alle sue geniali acquisizioni: Instagram e Whatsapp, due degli strumenti più utilizzati da chiunque possegga uno smartphone.

Whatsapp è il sistema di messaggistica fondamentale, utilizzato sia nel lavoro che nella vita privata, mentre Instagram diventa ogni giorno di più il social per eccellenza, sia per il marketing che per le soddisfazioni private e i rapporti social con gli amici.

Share.

Leave A Reply