Stadia Pro, i due mesi gratis diventano uno

0

Google Stadia è un flop epocale con un numero di utenti molto ridotto e una serie di prove gratis che sembrano non ottenere i risultati sperati.

In poche parole, gli utenti non hanno utilizzato Chrome nemmeno gratis, con i due mesi offerti da Google per la sua discussa piattaforma di streaming videoludico.

Ecco che, a peggiorare la situazione, Google ha deciso di ridurre i due mesi di prova a solo uno.

Da giugno 2020, la prova gratuita della problematica piattaforma sarà quindi di un solo mese; elemento che potrebbe danneggiare ulteriormente una realtà che sembra incapace di decollare.

Il capitale di Google e i suoi ingegneri, non sono stati abbastanza per creare un prodotto appetibile per i videogiocatori, soprattutto a causa dei prezzi elevati, dell’assenza di garanzia (se la piattaforma fallisce si rischia di perdere tutti i giochi acquistati), e per l’assenza di esclusive degne di nota.

Quasi invisibile nel mondo console e non contemplata nemmeno dalle riviste di settore, la scommessa di Google è, per il momento, un fallimento epocale.

Le possibilità del cloud potrebbero però fa tornare Stadia alla carica, magari nei prossimi anni.

Nel frattempo, se siete curiosi e volete provare qualche gioco gratuito, potete farlo con la prova di Google.

I titoli inclusi in questa sorta di pass sono:

  • Destiny 2: The Collection
  • Grid
  • Gylt
  • SteamWorld Dig 2
  • SteamWorld Quest: Hand of Gilgamech
  • Serious Sam Collection
  • Spitlings
  • Stacks On Stacks (On Stacks)
  • Zombie Army 4: Dead War
  • SteamWorld Heist
  • The Turing Test
  • Playerunknown’s Battlegrounds

Anche sulla selezione di giochi da proporre agli utenti ci sarebbe moto da dire, e la scelta sembra davvero tarata verso il basso, fatta eccezione per Gylt, titolo interessa che sembra avere però scelto la piattaforma sbagliata.

Il futuro di Stadia sembra del tutto fallimentare, staremo a vedere come, nei prossimi mesi, la piattaforma si muoverà per convincere gli utenti a scegliere il gioco in streaming.

Share.

Leave A Reply