Stadia aggiunge nuovi giochi alla scuderia di lancio

0

Stadia è alle porte, la cloud console di Google uscirà infatti domani.

L’accoglienza al nuovo progetto di Mountain View è stata piuttosto tiepida, la sensazione però,  è che Google stia più che altro sperimentando un nuovo mercato con la sua proposta.

E’ possibile inoltre che la non eccessiva visibilità, sia legata anche a test cloud.

Un arrivo massiccio di utenti potrebbe infatti compromettere l’esperienza Google Stadia e rovinare immediatamente l’immagine della console cloud.

Ecco che la compagnia aggiunge però nuovi titoli, tutti piuttosto datati, alla sua scuderia di lancio:

  • Attack on Titan 2: Final Battle (Koei Tecmo)
  • Farming Simulator 19 (Focus Home Interactive)
  • Final Fantasy XV (Square Enix)
  • Football Manager 2020 (SEGA)
  • GRID (Codemasters)
  • Metro Exodus (Deep Silver)
  • NBA 2K20 (2K Games)
  • Rage 2 (Bethesda Softworks)
  • Trials Rising (Ubisoft)
  • Wolfenstein: Youngblood (Bethesda Softworks)

Stadia per il momento non ha esclusive di rilievo ed è priva anche di numerosi giochi appena usciti.

Una situazione che fa davvero pensare a un grande test a pagamento, più che a un lancio ufficiale di un prodotto considerato rivoluzionario.

Inoltre, Sony e Microsoft si stanno muovendo in questa direzione e, al momento, Playstation Now è già nettamente superiore a Google Stadia con la sua natura di abbonamento e la possibilità di giocare a titoli come Bloodborne, God of War e altre esclusive Sony che hanno caratterizzato la generazione.

Google Stadia deve conquistare la sua identità e, soprattutto, creare un prodotto in grado di catalizzare l’attenzione degli utenti.

Si parla di un costo superiore alle aspettative per le nuove console.

Proprio questo elemento potrebbe dare una spinta a Stadia, soprattutto nella sua versione gratuita che permetterebbe agli utenti di accedere alla nuova generazione, in attesa magari dei primi tagli di prezzo alle nuove console.

Il lancio di Stadia, nella sua versione premium, è previsto per domani.

Staremo a vedere quale sarà la reazione degli utenti.

Share.

Leave A Reply