Qual è la memoria di massa più sicura per archiviare file?

0

L’archiviazione sicura e affidabile dei file è un argomento di costante interesse da parte di chiunque, dato che ormai chiunque fa uso dei dispositivi informatici per i più disparati usi. Tra i file di maggior interesse figurano foto e video, assolutamente da conservare. Qual è allora la memoria di massa migliore?

Nonostante l’attaccamento crescente al mondo tecnologico da parte di piccoli e grandi, resta sempre l’aspetto più umano e caldo, quello legato ai ricordi; proprio per questo in molti si preoccupano di conservare i propri file al meglio.

Innanzitutto occorre far chiarezza sul concetto di base. In informatica ci sono due tipi di memoria: la memoria primaria, legata in maniera diretta con il processore e costituita da memoria RAM, ROM e Cache, e la memoria secondaria o memoria di massa, ovvero i classici hard disk ma anche supporti rimovibili come dischi floppy, CD, DVD, memorie flash e altri tipi.

È chiamata memoria ”di massa” perché raccoglie quantità di dati molto più grandi rispetto alla memoria primaria e in modo permanente, il che significa che i dati restano archiviati fino a quando l’utente non si decide ad eliminarli.

I supporti di archiviazione esterni sono diversi a seconda di tecnologia, grandezza, capacità di memorizzazione e affidabilità. Il primo in ordine cronologico è senz’altro il Floppy disk 1,44. Ormai quasi scomparsi, questi strumenti memorizzano fino a 1,44 MB di dati, una quantità scarsa unita ad una scarsa sicurezza, pertanto in genere se ne sconsiglia l’utilizzo.

CD e DVD ROM: sono i supporti più diffusi e utilizzati, specie per chi dà molta importanza all’ambito video-musicale. Ottimi mezzi in grado di memorizzare da 700 MB (CD-ROM) ai 4,5 o 8,5 GB (DVD-ROM). I DVD più moderni (Blue Ray) arrivano anche a memorizzare 200 GB di dati. La durata garantita del supporto è di circa 70 anni, se l’utente sa prendersene cura.

Hard disk: il principale supporto di ogni PC nonostante i tempi stiano cambiando. Resterà sicuramente il mezzo di archiviazione migliore in assoluto, sia per la capienza dei dati sia per la resistenza nel corso del tempo. Da non dimenticare anche i pratici hard disk esterni collegabili al PC via cavo USB.

Pen Drive USB: archiviazione di gran quantità in un minuscolo strumento, facile e veloce da usare: basta avere una porta USB dove inserirlo.

E’ stata utile la lista? Il consiglio, comunque, è sempre quello di usare tutte le memorie disponibili per eliminare il rischio di perdere i dati.

 

Share.

Leave A Reply