Milioni di telefoni Android perdono l’accesso a Google

0

Google continua a fare tagli sul supporto alle vecchie versioni di Android, con un pensionamento gigante di diversi smartphone.

Certo, stiamo parlando degli albori del sistema operativo, ma non è da escludere che molti di noi abbiano ancora vecchi device o tablet, magari utilizzati per operazioni semplici, equipaggiati con Android 2.3.7.

La compagnia, ha bloccato l’accesso proprio ai device con questa versione di Android, il motivo ufficiale è una questione di di sicurezza, la compagnia non ha più intenzione di gestire eventuali falle dei vecchi device.

La stessa cosa è accaduta con Whatsapp, che ha interrotto il supporto per moltissimi smartphone con vecchi sistemi operativi.

Gli utenti che tenteranno di accedere a Google, riceveranno un messaggio di errore. L’unica soluzione possibile è aggiornare il device almeno alla versione 3.0 di Android, sempre che sia possibile.

Gli smartphone che non possono essere aggiornati, non avranno più accesso a Gmail, Maps e YouTube. Tra questi troviamo anche prodotti storici come Samsung Galaxy S2 e Vodafone Smart II.

Attenzione però, rimane comunque un modo per continuare a sfruttare Google anche con i vecchi device.

Al momento infatti, i servizi sono accessibili nella loro versione browser.

Mancheranno quindi app, notifiche e tutto il resto, ma un soluzione intermedia rimane.

La notizia lascia un po’ perplessi. Sappiamo bene che sono passati anni, ma vedere interrotto il supporto a device che funzionano ancora benissimo, magari pagati parecchio al momento della loro uscita non è proprio il massimo.

Rimane la possibilità di sfruttare altre applicazioni o di installare versioni modificate dei sistemi operativi, che possono però esporre a livello di sicurezza o danneggiare il telefono.

L’hardware rimane comunque tale e in qualche modo è utilizzabile. L’abbandono di tutti i servizi Google è alla fine dei conti una scelta della compagnia. Rimane comunque un peccato, soprattutto su un sistema nativo come Android.

Share.

Leave A Reply