Il mercato delle IA vale 200 milioni

0

L’Intelligenza Artificiale (AI) diventa un business anche in Italia dando vita a un mercato del valore di 200 milioni di euro, di cui il 78% commissionato da imprese italiane e il 22% come export.

L’intelligenza artificiale si sta diffondendo in diversi settori, primo tra tutti quello bancario (25% del mercato), nella manifattura (13%), nelle utility (13%) e nelle assicurazioni (12%).

Nel particolare, l’ingresso delle IA, non ha sostituito il lavoro umano, ma lo ha semplicemente affiancato.

Il 96% delle imprese che hanno scelto di utilizzare le IA, non rileva effetti di sostituzione del lavoro umano da parte delle macchine.

I casi di perdita di lavoro sono rilevati dall’1%.

Quella delle intelligenze artificiali è una rivoluzione del lavoro, superiore allo stesso arrivo di internet.

In questo caso si tratta però di una situazione molto delicata dal momento che, negli anni, le intelligenze artificiali potrebbero davvero arrivare a sostituire il lavoro umano, creando difficili situazioni di disoccupazione e necessitando una regolamentazione.

E chi sa se, nei prossimi 50 anni, non ci troveremo in sistemi dove a lavorare sono solo le macchine.

L’utilizzo delle IA è molto discusso anche a livello europeo, dove nel mirino sono in particolare le tecnologie di riconoscimento facciale, considerate molto pericolose e al momento bandite in attesa di una legislazione chiara.

Le intelligenze artificiali, sono comunque ormai presenti in moltissimi ambienti, anche quando la loro presenza non è evidente.

Basti pensare agli algoritmi di Google, a diversi motori grafici o ai semplici smartphone che sfruttano le intuizioni delle IA nella gestione di elementi hardware e software.

Proprio come avveniva con le App, c’è spazio per intelligenze artificiali con le più svariate funzioni.

La loro autonomia, assieme alle possibilità che offrono, continuano però a preoccupare molti esponenti del mondo tech.

Sono proprio i colossi della tecnologia i primi a diffidare della diffusione massiccia, anche nel privato, di queste tecnologie d’avanguardia.

Share.

Leave A Reply