Clamoroso successo per Sony e Playstation 4

0

Sony Corporation annuncia un incredibile successo con PlayStation 4  che raggiunge la quota di 100 milioni di console distribuite.

Una cifra incredibile che vede 3.2 milioni di console distribuite nell’ultimo trimestre.

Bisogna tenere conto di come Playstation 4 sia a fine ciclo e Playstation 5 in arrivo.

Le vendite inarrestabili dimostrano un brand davvero potente che difficilmente rallenterà fino all’uscita della prossima console.

Numeri esorbitanti anche per i servizi dove Sony comunica 36.2 milioni di utenti iscritti a Playstation Plus.

I giochi venduti nell’ultimo trimestre sono 42.9 milioni di giochi fisici, con un +53% di vendite per il comparto digitale.

Sony ha senza dubbio conquistato la generazione segnando numeri importanti che difficilmente verranno superati, forse da Playstation 5 che necessiterà però un bel po’ di tempo.

La strategia di Sony, che ha tirato a dritto sulla sua visione proponendo open world con una forte componente narrativa, veri e propri colossal videoludici esclusivi ha premiato la compagnia in vendite.

Le persone acquistano una Playstation 4 per giocare ai suoi titoli esclusivi singleplayer.

Questo è il dato che Sony ha dimostrato, arginando la deriva multiplayer e l’avanzata dei battle royale, fallimento per chiunque non si chiami Fortnite o Pugb.

Anche Microsoft segna numeri molto positivi, le vendite sono però bassissime rispetto a Sony.

La competizione tra le due compagnie garantirà ai giocatori un buon numero di esclusive e una maggiore cura dei videogiochi come opera d’arte e grande intrattenimento, più che per i giochi online, dove lo spazio si è enormemente ristretto e Fortnite troneggia assieme a una manciata di prodotti ancora forti di una fanbase storica.

Una generazione incredibile quella di Playstation che speriamo Sony riesca a ripetere con la difficile next gen dove nasceranno i primi servizi di streaming videoludico e, probabilmente il confine tra Microsoft, Sony e Nintendo si assottiglierà con molti analisti che prevedono un futuro unificato tra i vari brand.

Share.

Leave A Reply