Buon compleanno Spam!

0

Il 3 maggio, lo Spam ha compiuto 40 anni. Stiamo parlando proprio di lui, temuto e odiato, ovvero l’invio di mail a un numero elevato di persone con il fine di proporre prodotti commerciali o semplicemente, come accade sempre più spesso di recente, di ingannare l’utente!

Il primo messaggio di posta indesiderata è datato al 3 maggio 1978, inviato in questo caso a 400 persone. Le email spazzatura che riceviamo continuamente sulla nostra martoriata casella sono addirittura il 56% della posta totale, una bella cifra se pensiamo all’utilizzo primario della posta elettronica.

Il malvagio inventore dello spam è tale Gary Thuerk, responsabile del marketing presso una società informatica la Equipment Corporation. Quest’ultimo, sfruttando la rete Arpanet inviò la stessa mail pubblicitaria a tutti gli indirizzi esistenti al tempo, così da coprire praticamente la totalità della vecchia rete, precursore di internet.

Il termine “Spam” nasce invece da un famoso sketch di Monty Python, dedicato alla carne in scatola Spam, prodotta dall’azienda USA Hormel Foods che invase il Regno Unito nel dopoguerra come scatoletta di carne prediletta dall’esercito e di conseguenza dal razionamento pubblico.

L’incubo delle nostre mail ha quindi origini quasi antiche, e al giorno d’oggi affligge gli utenti più che mai, con la nascita del Phishing e di tutte quelle tecniche dedicate al furto di dati e altri tipi di trappola come i terribili ransomware che di recente hanno messo in crisi moltissimi pc in tutto il mondo.

Come al solito, la nostra unica linea di difesa rimane il filtro antispam, oltre che la segnalazione continua. Per quanto riguarda invece il rischio di software dannosi e ransomware, rimane il consiglio di evitare tutti gli allegati che non provengano da fonti certe, e comunque di passare sotto l’antivirus qualsiasi tipi di invio, specialmente quelli più strani e sospetti.

Lo spam compie quindi 40 anni e purtroppo pare non avere alcuna intenzione di togliersi di torno.

Share.

Leave A Reply