Android Q, ecco la modalità desktop

0

Tra le nuove caratteristiche di Android Q spunta anche la modalità desktop.

Ancora non sappiamo il nome definitivo del sistema operativo targato Google.

Quello che chiameremo per il momento Android Q è stato però ufficialmente presentato nel corso del Google I/O 2019.

Tra le tante novità annunciate, oltre a opzioni visive personalizzate, sottotitoli e altri elementi che semplificano la fruizione del device, si parla anche di una modalità desktop.

La modalità desktop di Android Q, è stata annunciata da tempo senza però venir mai mostrata in modo dettagliato.

Ecco però che la ritroviamo protagonista proprio nel corso di una dimostrazione dell’utilizzo di app su dispositivi a schermi pieghevoli e nell’utilizzo di display multipli.

La modalità desktop sarà quindi una realtà della prossima iterazione di Google.

Il sistema operativo nativo Google, vanterà una modalità che lo avvicina per certi versi a Windows.

Una versione desktop che potrebbe rendere l’os molto fruibile anche al di fuori delle canoniche piattaforme mobile.

Il nuovo Android, dovrebbe essere uno dei più rivoluzionari mai rilasciati.

Un sistema operativo che si presenta in una fase di grandi cambiamenti dove l’OS potrebbe diventare l’elemento che traina le vendite, in modo superiore anche agli hardware, da tempo ottimi e rapidissimi che non necessitano particolari upgrade almeno che non siamo appassionati.

L’attesa per Android Q è enorme e, mentre ancora la vecchia versione deve arrivare su alcuni dispositivi più datati, ecco che il nuovo sistema operativo è già sulla bocca di tutti.

Android Q, lo ricordiamo non sarò invece disponibile sulle Android TV, per le quali Google ha scelto un percorso parallelo, più lento che vedrà gli aggiornamenti arrivare a distanza di anni: quindi con versioni Android precedenti e aggiornamenti meno costanti sul lato OS, non necessari per device molto particolari che necessitano un loro ecosistema definito.

Aspettiamo ulteriori aggiornamenti dalla grande G.

Share.

Leave A Reply