Ancora incidenti per Tesla

0

Il destino delle auto con guida automatica sembra appeso a un filo dopo l’ennesimo incidente mortale avvenuto nei pressi di San Francisco.

La Tesla infatti si è schiantata contro una staccionata per finire poi dentro un laghetto, uccidendo il suo pilota.

La polizia ha già aperto un’indagine per capire se l’uomo stesse utilizzando o meno la modalità autopilot, dalle prime indiscrezioni però, sembra che il giovane avesse l’abitudine di disattivarlo sulle strade locali.

La questione del pilota automatico sta lentamente affondando l’innovativa auto così come i suoi titoli in borsa. Il problema, più che di sicurezza vera e propria, è legato più che altro alla percezione. L’idea di un mezzo che può sbagliare uccidendoci, anche se la percentuale sarebbe estremamente bassa o addirittura nulla, e il numero di incidenti con auto classiche ben maggiore, potrebbe creare uno scetticismo e una certa diffidenza verso l’automazione della guida, tarpando le ali a un progetto che da sogno futuristico si sta trasformando in una specie di incubo.
 “L’autopilota non è un sistema a guida autonoma, non trasforma una Tesla in un veicolo autonomo e non consente al conducente di abdicare alle proprie responsabilità”, questa la comunicazione ufficiale dell’azienda che vuole ribadire come l’utente debba comunque controllare la guida e intervenire in caso di imprevisti.
Basta però un giro su Youtube per scoprire decine di utenti che si mettono in mostra mentre dormono alla guida di Tesla, siedono sul sedile del passeggero, leggono e così via.
Con una statistica di incidenti teoricamente nulla, l’auto dalla guida automatica per eccellenza, si è creata un alone di terrore e di dubbio intorno, al momento non meritato, anche se la percezione dei fatti è ben diversa.

Le vicende di incidenti mortali sembrano al momento collegate a errori umani, l’idea di un’auto che agisce di testa propria, però, sarà difficile da far digerire al mercato di massa, soprattutto dopo gli ultimi avvenimenti sui quali aleggia l’ombra del dubbio.

Share.

Leave A Reply